Giuseppe D'Avenia D'Andrea

BALLATE d’ARGILLA

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           fondazione-carical                                                                                                                                                                                                                           
    pisticci-città-narrante          portogreco             comune di pisticci                            SCANZANO STEMMA              aassofruit                  jonica_juice       il_sigillo 001welan      l'incontro_ristorante     Hotel frastieri web piccola
                                  radio_laserla_spigafevi_fruttaarte_casearia_d'andrea 001
                                                 

……..il canto è un sogno sonoro che apre un passaggio

verso il mondo da cui proviene (Paul Zumthor)

                                                                                                               …nel Tempo del Sogno il paese non era esistito

                                                                                                           finché gli antenati non lo avevano cantato.

                                                                                                     Il Canto e la Terra sono tutt’uno (Bruce Chatwin)

giovanni santilio_ballate d'argilla

(foto Gianni Santilio)

 

Ballate d’Argilla – Il progetto

Vedi le collaborazioni artistiche di Ballate di argilla

 

Ballate d’Argilla sarà il titolo dell’album musicale tutto acustico ispirato dal richiamo degli antenati, dallo spirito della Terra. Il progetto è maturato dopo un periodo di gestazione artistica durato 15 anni, dedicati alle ricerche sulle tradizioni popolari, culturali e musicali, locali, nazionali e internazionali e allo studio appassionato della chitarra acustica e dei suoi linguaggi ed approcci.

Sarà un lavoro diretto alla collettività in quanto mirerà, attraverso la registrazione di musiche originali dell’autore, al recupero della memoria storica e alla valorizzazione del patrimonio immateriale e culturale  del territorio di Pisticci, del metapontino, della Basilicata,  che ha le stesse radici nell’area del Mediterraneo e dell’ Europa, per riconsegnarla alle generazioni future con un respiro artistico fresco e moderno ed una proiezione verso il Mediterraneo e l’Europa, alla ricerca di diversità ed affinità culturali. Un lavoro che ha l’ambizione di offrire una nuova prospettiva sonora, poetica e percettiva delle tradizioni, un’opera culturale per le generazioni future.

Ballate d’Argilla è, però, anche un lavoro individuale che vede l’artista indagare sul proprio essere, sulla propria collocazione nella moderna società, sulla spiritualità individuale e collettiva, alla ricerca della voce silenziosa interiore e universale. Una ricerca sulla propria creatività, per esprimere un linguaggio ed uno stile personali; l’autenticità artistica come voce individuale per comunicare la propria percezione del tutto.

Sarà un viaggio nel tempo in uno stato di sospensione tra realtà e sogno, un tuffo nella storia locale e, più in generale, nel Sud delle tradizioni antropologiche, della magia, mitologia, delle credenze, della religiosità, del paganesimo popolare e della spiritualità, della poesia, dei dialetti e delle lingue.

Popoli del Nord, Greci, personaggi fantastici e reali, sirene, navigatori, orchi, tradizioni e simboli che tramontano, poesia, sonorità lucane, mediterranee ed europee, preghiere, canti, stornelli, lamenti, zampogne, cornamuse, bodhran, flauti e percussioni mediterranee: una visione musicale e culturale a 360°.

L’ispirazione e la visione divengono musica. La musica diventa ballata. E la ballata, filtrando attraverso le scaglie d’argilla, si materializzerà in un album musicale. Ecco le ballate d’argilla. La musica che contiene l’essenza della propria terra: l’argilla, il suo canto, il suo lamento, il suo silenzio, la sua voce, la sua essenza. L’argilla che si trasforma in musica, poesia, ritmo. Una ballata ispirata dal paesaggio inquietante dei calanchi d’argilla che caratterizzano lo spazio che mi ha spirato il soffio vitale.

Sarà un racconto sonoro che proverà a sintetizzare lo stile dei cantastorie con quello dei bardi, dei folksinger inglesi, alla ricerca della contaminazione musicale e dei linguaggi, lontano dalle mode discografiche, con sonorità miste di musica folk-jazz, tradizionale, mediterranea e del nord Europa. Sarà utilizzata la voce di vari strumenti e della parola per creare ritmiche, melodie ed ambientazioni originali.

Sensazioni, intuizioni, emozioni e sentimenti. L’inafferrabile, l’effimero, l’immateriale, lo spirituale si manifestano, comparendo agli occhi dell’anima come materia tangibile, sebbene inafferrabile; come energia vibrante che canta all’anima dell’artista. È quella stessa argilla che, fusa nell’Uomo dallo scorrere del tempo, è diventata un tutt’uno col sangue dell’artista.

Sangue, argilla, essenza della creatura artistica.

Contribuiranno alla realizzazione dell’album anche importanti figure del folk inglese, celtico e mediterraneo quali:

l’irlandese Colm Murphy – del mitico gruppo irlandese De Dannan –  un artista leggendario nel panorama della musica irlandese (bodhran);

gli inglesi Troy Donockley (uillean pipes e low whistle) e Sim Bee (fiddle);

I salentini Giulio Bianco del Canzoniere Grecanico Salentino (aerofoni) ,  Rocco Nigro ( fisarmonica)  e Ninfa Giannuzzi (voce); ;

il pugliese di Altamura Pino Basile (percussioni e kupa – kupë);

le lucane Giuliana DE DONNO (arpa)  Eufemia Mascolo (contrabbaso), Simona Cava (voce);

i lucani Luca AMODIO (poeta) ,  Mike LOVITO (tromba) Rocco Raimondo (voce);

I pisticcesi Rocco Raimondo (voce) e Antonio Fauzzi ( viola e violino)

la romana Raffaella Misiti (voce), cantante degli Acustimantico

le voci bianche pisticcesi Antinea Caldara e Clara Selvaggio

L’amico John Renbourn, appena scomparso, ha contribuito a finalizzare una importante collaborazione artistica.

L’album includerà ballate e strumentali.

Nella ricerca delle fonti finanziarie di terzi necessarie alla realizzazione dell’opera, si terrà conto delle aziende, degli enti, dei privati che vendono la “nostra” terra e sfruttano indiscriminatamente le sue risorse naturali, umane, paesaggistiche, violentandola e inquinandola quotidianamente, senza pietà, al solo fine del profitto.

Da tali soggetti, giuridici o fisici, non si accetterà in nessun modo denaro per sostenere il progetto. 

La nostra terra, le nostre risorse hanno un valore incommensurabile,  son inalienabili. Difendiamoli.